Impermeabilizzazione di vasche dall'esterno

Codice: M.0037

Aggiornamento: 21 settembre 2015

Impermeabilizzazione dall’esterno di vasche, anche in presenza di acqua potabile, mediante barriera verticale osmotica in controspinta

Consumi suggeriti

Prodotti Consumi
CONSILEX SAN 0,25 l/m² Superficie da trattare o rivestire
OSMOCEM D 5 kg/m² Superficie da trattare o rivestire
REPAR TIX BIC 0,7 kg/m Lunghezza

Step by step

1

Rimozione dell’intonaco esistente, ove presente, ivi compresa la rimozione delle incrostazioni e delle eventuali efflorescenze saline, l’accurata pulizia, l’irruvidimento e la depolverizzazione dei supporti risultanti.

2

Verifica del conveniente grado di compattezza dei supporti di applicazione e della condizione di saturazione degli stessi con acqua: i supporti dovranno presentare, all’atto delle successive applicazioni, la condizione satura a superficie asciutta.

3

Costruzione del presidio impermeabilizzante, corticale mediante applicazione, a spruzzo o pennello, della soluzione consolidante CONSILEX SAN, data in almeno 2 mani, bagnato su bagnato, sui supporti preliminarmente saturati con acqua, per un consumo di 0,2-0,3 l/m².

4

Costruzione di sgusci di raccordo, ove necessari, in corrispondenza delle connessioni fra murature orizzontali e verticali, mediante applicazione, con spatola a punta tonda o apposito attrezzo sagomato, di composto cementizio bicomponente, ad azione osmotica, resistente in controspinta, REPAR TIX BIC sino a realizzare sezioni triangolari arrotondate, estese per almeno 2-3 cm, rispetto alla linea di connessione, per un consumo indicativo di 0,7 kg per metro lineare (di sguscio). Attendere almeno 8 ore per la successiva posa della barriera osmotica.

5

Costruzione della barriera ermetizzante, osmotica, mediante applicazione a pennello di 3 o più mani incrociate, del composto cementizio bicomponente ad azione osmotica, resistente in controspinta, OSMOCEM D, per un consumo pari a circa 5 kg/m² (per 3 mani). Attendere almeno 8 giorni per l’eventuale successiva pitturazione. NB : Per spessori di rivestimento elevati, così come per la costruzione di rivestimenti ermetici continui, è opportuno inserire fra una passata di composto osmotico e la successiva, una rete in fibra di vetro.

N.B: Per condizione 'satura a superficie asciutta', si intende lo stato di un supporto che, bagnato qualche ora prima, ha assorbito completamente l'acqua che vi è stata applicata, sino ad asciugarsi in superficie. In questo modo il supporto non sottrae acqua al materiale applicato e la superficie non presenta veli d'acqua che possono interporsi fra i due materiali, pregiudicando l'adesione.

Scarica il Memoflash

Condividi