Intonacatura bioedile con finitura ad intonachino

Codice: M.0025

Aggiornamento: 11 febbraio 2015

Realizzazione di intonaci protettivi, bioedili, a base di calce idraulica con finitura mediante applicazione di intonachino decorativo traspirante

Consumi suggeriti

Prodotti Consumi
INTOSANA 15 kg/m²/cm Superficie da realizzare/Spessore
SANAFARBE I 3 kg/m² Superficie da trattare o rivestire
UNTERSANA 5 kg/m² Superficie da realizzare

Step by step

1

Eventuale rimozione dell’intonaco, ove esistente e degradato, ivi compresa la rimozione delle incrostazioni, delle eventuali efflorescenze saline ove presenti, l’accurata pulizia e la depolverizzazione dei supporti risultanti.

2

Verifica del conveniente grado di compattezza dei supporti di applicazione e saturazione degli stessi con acqua : i supporti dovranno presentare, all’atto delle successive applicazioni, la condizione “satura a superficie asciutta”.

3

Predisposizione di un adeguato rinzaffo di aggancio “traspirante” mediante applicazione, a frattazzo (“sprizzo”), dello specifico composto adesivo bioedile, deumidificante, UNTERSANA, a base di calce idraulica, per un consumo prevedibile di 3-5 kg/m². Attendere almeno 24-72 ore per la successiva posa dell’intonaco.

4

Costruzione dell’intonaco civile, traspirante, mediante stesura, a frattazzo o con intonacatrice, del composito bioedile, fibrorinforzato, a reazione pozzolanica, INTOSANA, a base di calce idraulica, per un consumo indicativo di circa 15 kg/cm/m². Spessore minimo consigliato = mm 10. Attendere almeno 8 giorni per la realizzazione della finitura.

5

Realizzazione della finitura protettiva e decorativa, nella cromia selezionata dalla D.L., mediante applicazione di intonachini sicuramente traspiranti (al grassello di calce: SANAFARBE I; al silicato di potassio: SANAXIL I; o ai silossani: PROTECH SIL I), sulla base delle modalità di messa in opera specifiche per il prodotto selezionato. Il coefficiente di resistenza alla diffusione del vapore (μ) degli intonachini utilizzati, dovrà, comunque, risultare inferiore a 11.

N.B: Per condizione 'satura a superficie asciutta', si intende lo stato di un supporto che, bagnato qualche ora prima, ha assorbito completamente l'acqua che vi è stata applicata, sino ad asciugarsi in superficie. In questo modo il supporto non sottrae acqua al materiale applicato e la superficie non presenta veli d'acqua che possono interporsi fra i due materiali, pregiudicando l'adesione.

Scarica il Memoflash

Condividi